8 MOTIVI PER AVERE UN NEGOZIO ON-LINE

L’avvio di questa attività economica, Il Negozio On line, così atipica e e nuova, spesso è concepita come una “scelta di getto”.
Valutare i vantaggi, cercare di NON  cadere negli errori più comuni è una riflessione doverosa.
Cerchiamo di offrire qui un documento che aiuti ad effettuare una scelta ponderata, consapevole dei benefici e delle difficoltà che si andrà a trovare.

Aumentare le vendite; questo è forse uno dei motivi più importanti.
Per vendere c’è bisogno che gli acquirenti vengano nel nostro negozio e internet è sicuramente lo strumento più indicato per far visitare il nostro negozio da ogni parte di un possibile acquirente da ogni parte del mondo.
Questo è forse uno dei motivi più importanti:
per vendere c’è bisogno che gli acquirenti entrino nel nostro negozio ed il sito e-commerce è sicuramente lo strumento che facilita la visita del nostro negozio da ogni parte del mondo, gratuitamente, comodamente da casa  ad ogni ora del giorno.

I negozi fisici hanno sempre una clientela molto limitata, spesso occasionale, che si concentra solo in alcuni periodi. L’e-commerce permette di rivolgersi a un mercato senza confini geografici e composto da potenziali acquirenti sempre più propensi ad acquistare sul web.

Non si può più essere assenti sul  web!
Questo vale  sia per le grandi aziende che per le piccole:
essere sul web è segno di serietà e trasparenza.
È fondamentale avere un sito web che ci rappresenta e, meglio ancora, un sito per il commercio elettronico. In caso contrario si rischia di non essere presi sul serio, penalizzando l’immagine aziendale.

Un negozio online può essere paragonato a quello sotto casa, aperto però ogni giorno ed ogni notte, h24.
Ormai l’acquisto on line è diventato comodo perché I nostri potenziali acquirenti potranno accedervi, anche solo per dare un’occhiata ai prodotti, in qualunque momento, comodamente da casa o da qualunque dispositivo (Pc, smartphone, tablet). L’oggetto acquistato poi sarà disponibile in breve tempo sosso casa.

Il negozio on line abbatte barriere territoriali, linguistiche moltiplicando in modo esponenziale la platea dei possibili clienti. Ad esempio, la nostra attività che nella realtà italiana piò avere una piccola nicchia che non permette di produrre abbastanza reddito può ritrovarsi al centro di una comunità internazionale molto vasta.

Notoriamente il costo per la realizzazione e mantenimento di un sito per il commercio elettronico ha costi inferiori rispetto ad un negozio tradizionale. Un hosting costerà  sempre meno di un affitto, l’assistenza annuale meno delle pulizie mensili, delle bollette di luce e gas, dei commessi e di eventuali riparazioni.
Iniziare la vendita on line è un investimento dal bassissimo costo iniziale rispetto ad un negozio fisico.
Questo non vuol dire che le spese fatte, anche se pur minime non debbano essere oculate soprattutto nella scelta dei professionisti cui appoggiarsi per creare il nostro negozio on line.

E’, infatti, fondamentale affidarsi a partners con esperienza, che offrano anche un buona assistenza clienti e servizi SEO, SEM e Social Media Marketing.

Il web fornisce numerosi strumenti di misurazione delle prestazioni di un sito di commercio elettronico permettendo di migliorare o correggere la nostra strategia del nostro e-commerce in breve tempo.

Conoscere a fondo i clienti e creare percorsi mirati di acquisto

Grazie alla raccolta di dati anonimi che avviene sul tuo sito di commercio elettronico, è possibile tracciare tutte le attività e le abitudini dei clienti, capire quali sono le merci che ottengono maggiore successo, quali sono i passaggi che portano un visitatore verso l’acquisto , i motivi dell’abbandono dei carrelli e l’implementazione di tecniche di marketing sulla fidelizzazione del cliente acquisito.

Tramite strumenti come Facebook Ads e Google AdWords, si sarà in grado di tracciare gli interessi dei tuoi clienti e fornire i prodotti/ servizi più attinenti alle loro necessità. E’ possibile incrementare le capacità di vendita in maniera esponenziale.

Inoltre, una newsletter periodica può permettere di ravvivare l’attenzione sui prodotti e invogliare il cliente all’acquisto attraverso offerte personalizzate e  puntuali.

Aprire un e-commerce permette di stabilire quali sono i prodotti più cercati e venduti in modo da ottimizzare l’approvvigionamento per avere minori giacenze di magazzino possibile e per smaltire i prodotti meno richiesti o fine serie attraverso offerte, promozioni e sconti. L’e-commerce permette quindi anche una gestione magazzino più efficiente se si sanno sfruttare i dati di vendita generati in tempo reale.

Se si è produttori delle merci che si vendono allora, grazie all’e-commerce, non si avrà più bisogno di rivolgersi ad  intermediari per la commercializzazione dei prodotti. Accorciando la filiera di vendita,  si otterrà un margine più grande e si potrà investire l’importo maturato in attività remunerative.
Questo è un aspetto che alletta molte aziende produttrici che perdono gran parte dei loro ricavi lungo la filiera commerciale, tra distributori, grossisti, rivenditori ecc.
Creare un e-commerce può dare la possibilità di essere più liberi nelle scelte commerciali e permette di incrementare i tuoi guadagni.

8 ERRORI DA NON COMPIERE

Questo è il primo grande errore che molti commettono.
Credere che quello che non funziona più nei mercati tradizionali possa magicamente funzionare sul web.
Purtroppo, non è così. Un prodotto che non vende, che non è al passo coi tempi, che nessuno cerca più, difficilmente avrà più possibilità solo perché proposto in ambito differente.

Un altro errore comune è pensare che i prodotti ed i servizi sul web si vendano da soli senza un grosso lavoro alle spalle. Il lavoro alle spalle si chiama programmazione ed organizzazione.

Aprireste voi un negozio tradizionale, pieno di merce da vendere per lasciarla lì, senza commessi, senza un responsabile, senza nessun tipo di promozione? Ovviamente no, e lo stesso deve valere anche per un negozio online.
La realizzazione della piattaforma di e-commerce è solo l’ultima fase di un progetto molto più ampio, che deve prevedere un business plan, marketing plan e communication plan.
Bisogna esaminare i concorrenti, stabilire il giusto prezzo, conoscere i potenziali clienti e delle strategie adeguate di vendita. Ci vuole poi una corretta gestione del magazzino, organizzare la contabilità, la logistica, il customer care, ecc. Insomma, ci vogliono tutta una serie di competenze e di processi di cui non si può fare a meno.

A tal proposito, non avere idee chiare su chi siano i tuoi clienti e sul loro comportamento è un grave errore. È necessario, invece, analizzare i dati che si posseggono per creare il profilo del cliente ideale.

Definire il target ideale di un’azienda permette di sapere quali tipi di contenuti presentare e come farlo, quali prodotti e/o servizi proporre in offerta. Questa studio permette inoltre di fidelizzare i clienti attraverso strumenti anche relativamente semplici da utilizzare, come ad esempio le newsletter.

Una volta pagato il sito i costi finiscono li. Tutti gli altri costi sono un peso un di più che fanno ricredere sulla bontà dell’investimento sul web. Questo è un grave errore.
Si deve mettere in conto che un negozio web ha gli stessi costi di un negozio tradizionale: costi di gestione, costi di capitale, costi fissi e variabili. L’unica differenza è l’assenza del costo delle utenze e dell’affitto dei locali, ma tale voce dovrebbe essere sostituita dall’investimento per raggiungere i potenziali clienti, come l’uso delle tecniche SEO e  delle campagne pubblicitarie a pagamento.

In realtà è fondamentale scegliere il software giusto. Scegliere un software antiquato o non correttamente figurato conduce direttamente al fallimento.

Occorre capire quali sono le funzionalità che servono al nostro business (sia dal punto di vista del personale, che dal punto di vista del cliente) e qual è il livello di competenze del personale che gestirà l’e-commerce.

Una strategia di Marketing è essenziale alla buona riuscita di un sito e-commerce.
L’assenza di questo investimento o la sottovalutazione dello stesso porta ad un fallimento certo dell’attività di e-commerce. Occorre pensare che nel web il vostro sito si deve far notare. Occorre arrivare a comunicare al cliente l’opportunità che i vostri prodotti o servizi possono dare. Essere presenti senza attirare l’attenzione porta ad un fallimento certo.

Gli imprenditori non  conoscendo spesso il settore e le sue difficoltà si affidano a chi gli offre il prezzo migliore pensando di aver fatto un affare.
Purtroppo un affare sbagliato si trasforma in soldi buttati.
E’ vero anche che spesso chi si fa pagare molto non sempre è all’altezza della cifra che prende, ma chi è fortemente specializzato è giusto che si faccia pagare.

Nella maggior parte dei casi (PMI) l’imprenditore è colui che guida il progetto.
Pensare di poter gestire un ecommerce senza formazione e competenza è l’errore più diffuso.
L’ ecommerce è un business complesso, le competenze sono diverse, spaziano dal commerciale, al tecnico, al finanziario.
E’ necessario formarsi per poter guidare e delegare e soprattutto poter misurare ed avere polso di tutto ciò che viene fatto.
Lamentarsi dei collaboratori e dei professionisti che danno supporto per attività come il marketing e di gestione del sito è sbagliato.
Oltre questo deve analizzare i dati e formulare ipotesi e strategie e dedicarsi alla parte strategica del business e non fare il dipendente di se stesso.

Progetta il tuo Negozio On-Line con noi!

Siamo qui per aiutare il tuo business a decollare!

Attraverso idee creative, innovazione e pura determinazione

Iniziamo!